A tutti voi cari lettori un ringraziamento che viene dal cuore.


Pietro

Pietro S - recensione Gabriel.jpg

Credo fermamente che ogni tipo di espressione artistica, fra cui la letteratura, permetta la più profonda contaminazione di emozioni e sensazioni possibile fra esseri umani, toccando corde diverse per ogni animo e generando accordi dissonanti. Ho assistito alla presentazione di GABRIEL e me lo sono letto tutto d'un fiato. Dovrò andare a lavorare fra 5 ore, ma Lui, Gabriel, non me lo ha permesso. Di corde ne ha toccate tante. 
Mi alzerò meno riposato, con le occhiaie.
Ma con qualcosa in più.
Grazie Fabio, in bocca al lupo e buon viaggio verso nuove storie. Aspetterò pazientemente il momento in cui condivideremo altre esperienze.
Perché Gabriel è finito, ma io ne vorrei ancora.


thomas

Thomas D - recensione Gabriel.jpg

Ho finito ieri sera di leggere Gabriel. Ho letto dieci minuti ogni sera prima di andare a dormire. Volevo dirti che le storie sono piacevoli, scorrono bene e anche l'attenzione sui particolari è ben costruita, senza esagerare troppo. La storia che mi è piaciuta di più è sicuramente "te lo dirò domani", ha un'ottima costruzione e alla fine mi ha fatto riflettere il "colpo di scena". Diciamo che quando hai finito di leggerla, ti fermi qualche minuto a riflettere.


francesca

Francesca C - recensione Gabriel.jpg

Io di libri ne leggo tanti. E questo non è propriamente un pregio. Credo in realtà di leggere tanto perché tendo a dimenticare. Di un libro mi resta la sensazione, il profumo, il ricordo delle emozioni che mi ha fatto provare, non le parole quelle non mi restano in memoria, se non brevi frasi, per questo leggo molto. Il tuo libro mi ha portato in luoghi malinconici, sorprendenti e misteriosi, mi ha fatto provare la fragilità e delicatezza dei rapporti umani. Odora di crepuscolo autunnale. "Il sacro bisognerebbe sperimentarlo con l'esperienza dell'estasi, altrimenti è esattamente come parlare di Topolino" Questa è la frase che porto con me.


brigida

Brigida C - recensione Gabriel.jpg

Mi è sempre piaciuto leggere e leggo un po di tutto, ma mai come in questo caso, arrivata all'ultimo racconto, sono rimasta male che non ce ne fossero altri.
E proprio per questo motivo "Gabriel" l'ho letto una seconda volta scoprendo con mia grande sorpresa sensazioni nuove, sfumature sapori profumi che in prima lettura mi erano sfuggiti.
Racconti brevi ma intensi. Uno dei miei preferiti "Te lo dirò domani", non mi vergogno a dire che ho pianto. Ora attendo nuove avventure.


daniele

Daniele B - recensione Gabriel.jpg

Ricordo che da bambino l'ultimo pezzetto di cioccolato lo tenevo tra le mani per un'ora.
Era un dispiacere finirlo.
La stessa cosa mi è capitata con l'ultima pagina di Gabriel.


carolina

Carolina M - recensione Gabriel.jpg

Non sono una gran lettrice, ma questi racconti ti sanno coinvolgere, in poche righe, in poche parole, che arrivano veloci e dirette!
Un finale sempre inaspettato che ti fa venire quel "brividino" inatteso...


giovanni

Giovanni A - recensione Gabriel.jpg

Veramente un bel libro. Misterioso, coinvolgente... con dei passaggi a tratti "agghiaccianti". Un libro capace di tenerti incollato alle pagine in ogni sua storia, fino all'ultima riga.


claudio

Claudio N - recensione Gabriel.jpg

Scopro che il mio migliore amico è un talentuoso scrittore e ne sono shockato. Purtroppo leggo sempre meno e fatico a finire un libro. "Gabriel" invece ha saputo tenermi incollato alle pagine. Sono rimasto colpito dal gioco sapiente delle parole e dal tocco noir che fa da cornice ai vari racconti. Bravo!


cinzia

Cinzia - recensione Gabriel.jpg

Ho trovato questi racconti geniali, una scrittura intelligente che è riuscita a commuovermi, spaventarmi e divertirmi. Ma alla fine di ogni racconto ho provato una grande pena per questi anti-eroi, così malvagi e così soli. Ogni libro dovrebbe lasciarti un'emozione e lo capisci solo se quando hai finito di leggere una storia, continui a domandarti cosa stanno facendo i personaggi che l'hanno abitata... io ho amato Marco, Roberto e Samuele. Chissà cosa staranno facendo ora.


pietro

Pietro C - recensione Gabriel.jpg

Non mi sbagliavo! Fin dalle prime pagine di GABRIEL si percepisce la volontà di costringere il lettore ad appassionarsi sempre più alla lettura! Sentivo già, dentro di me, che sarebbe stato così, conoscendoti. Quindi "Grazie" per aver curato e sbloccato la mia disarmante inappetenza alla lettura che da ormai troppi anni non mi permetteva di VOLARE!
Emmh... quindi a quando il prossimo?


paola

Paola R - recensione Gabriel.jpg

Il tuo libro è spiazzante. Emerge un lato oscuro inaspettato, che fa riflettere e ti lascia la voglia di leggerne altri.


chiara

Chiara C - recensione Gabriel.jpg

I libri sono da sempre una delle mie passioni: da leggere, sfogliare, progettare, collezionare. Sono molto più che semplici fogli di carta ed è per questo che li conservo con cura (e un po’ di gelosia). Questo non accade con qualsiasi libro, proprio perché sono per me una passione non riesco a farmi piacere tutto.
“Gabriel” (e in particolare il racconto “Te lo dirò domani”) fa già fortemente parte della mia piccola personale biblioteca.


gianluca

Gianluca P - recensione Gabriel.jpg

Gabriel è davvero un bel libro, soprattutto per la capacità che ha avuto di farmi entrare nelle storie dei personaggi e farmi capire ciò che provavano.
Ora attendo con ansia il romanzo!


lorena

Lorena DL - recensione Gabriel.jpg

Metti una sera d'inverno, il camino acceso e un libro. Metti che quel libro è un susseguirsi di emozioni, paure, riflessioni sulla società, sulla vita di coppia, sugli errori che si possono commettere e sugli amori, quelli forse eterni. Metti che una pagina tira l'altra... ed ecco che in una sera leggi Gabriel! Complimenti amico mio, spero di leggere presto altri tuoi racconti!